Logo Informatori.Info

I dubbi del selezionatore di candidati e suggerimenti per ovviarli.


Che tipo di lavoro sta cercando il candidato?
Timore: Non è il tipo di attività di cui l'azienda ha bisogno.
Evidenziare nel curriculum gli aspetti positivi dei precedenti lavori o nella vita scolastica per chi non ha mai lavorato e l'abilità di trasferire con flessibilità il proprio bagaglio di capacità in realtà aziendali diverse, e con buoni risultati.

Quali sono le sue specifiche esperienze in questa attività?
Timore: la preoccupazione che il soggetto non abbia il livello di competenza necessario per la posizione in ricerca.
Far capire che si possiedono capacità trasferibili a mansioni mai ricoperte prima, dimostrando di conoscere a fondo il settore dell'azienda - anche se non si ha mai lavorato - citando letture, hobby, interessi in linea con esso.

Come mai hai lasciato il precedente lavoro?
Timore: la paura che il soggetto non vada d'accordo con i futuri colleghi e crei problemi all'interno dell'uffico.
Far comprendere che i cambi di lavoro non sono mai stati causati da problemi personali con capi, colleghi o subalterni, mettendo in risalto il più possibile una progressiva omogeneità e una crescita o, se si possono dichiarare, le motivazioni al cambiamento indipendenti dalla volontà del candidato (chiusura dell'azienda, messa in mobilità ecc.).

Questo lavoro potrebbe limitare il suo potenziale?

Timore: il candidato ha voglia di fare una rapida scalata, rompendo gli equilibri esistenti in azienda e utilizzandola come un "trampolino di lancio" verso ciò che veramente vuole.
Trasmettere fiducia sul fatto che la posizione potrà dare all'aspirante opportunità interessanti.

Quali elementi del suo background, non avendo mai lavorato, possono convincerci che il soggetto è idoneo a ricoprire la mansione in ricerca e che conosce il nostro settore?
Timore: il candidato non ha una sufficiente competenza specifica e neanche le potenzialità idonee.
Dimostrare di essere consci di avere dei limiti, come chiunque, ma di essere disposti a lavorare per superarli e per offrire la migliore efficienza all'azienda.

Per quale motivo ha interrotto il lavoro in questo periodo?

Timore: le motivazioni che sottendono i vuoti lavorativi potrebbero essere la poca voglia di lavorare continuativamente o l'insoddisfazione costante, o lunghi periodi di assenza per problemi di salute.
Convincere che i vuoti in realtà non esistono perchè in quei periodi si è collaborato come esterno o come consulente.