Logo Informatori.Info

La lettera di accompagnamento ha diversi, importanti obiettivi. Essa permette di valutare la vostra capacità di:

  • Impostare una lettera formale;
  • Stabilire a chi e come vi indirizzate;
  • Scrivere in italiano corretto;
  • Formulare i vostri obiettivi in modo chiaro e sintetico.

La lettera di accompagnamento / presentazione

Fate molta attenzione a queste voci perché rivelano l'accuratezza delle vostra immagine e l'attenzione che riservate al vostro destinatario:
  • Mittente ed indirizzo;
  • Destinatario specifico;
  • Data e luogo;
  • Appellativo;
  • Oggetto (non presente in tutte le lettere).
 
Lo spazio e la carta
La lettera deve essere redatta su un foglio formato A4 (tipo da 80 grammi), evitando fogli colorati, carta troppo leggera o troppo spessa. Può avere la riga del primo paragrafo rientrante oppure essere a blocchi.
 
Linguaggio
Non ci possono essere errori di ortografia o di sintassi; il linguaggo usato deve essere scorrevole e lineare.
 
La firma
Firmate sempre la lettera di accompagnamento, in inchiostro blu oppure nero.
 
Qualche esempio
Lettera di autocandidatura
Conterrà tre paragrafi, il primo avrà il compito di attirare l'attenzione del lettore e al contempo presentarvi. Il secondo paragrafo cercherà degli agganci con il lettore (informarsi sull'attività svolta dal destinatario) e il terzo ringrazierà per l'attenzione e porgerà i saluti. Passiamo poi al caso in cui stiate rispondendo a un'inserzione. Il paragrafo e l'oggetto faranno riferimento all'inserzione alla quale rispondete; il secondo invece andrà a sottolineare ulteriormente i punti di contatto tra l'inserzione e la vostra candidatura, mentre il terzo paragrafo sarà tipicamente dedicato ai ringraziamenti e ai saluti.
Ricordate che la vostra lettera sarà letta velocemente per poi passare a una visione più approfandita del curriculum: sarebbe un peccato se il destinatario si fermasse di fronte a una lettera poco curata. La lettera dovrà quindi essere scorrevole e di circa 15 righe di testo.