Farmindustria, non considerare originator e biosimilari come gli equivalenti


Sei qui: rassegna stampa » articolo

 

loading
giu04

Farmindustria, non considerare originator e biosimilari come gli equivalenti

I medicinali biologici originator e i corrispondenti biosimilari non possono essere considerati come gli equivalenti. È l’approccio scelto dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) nel proprio position paper sui biosimilari appena pubblicato. Per questo deve essere esclusa la sostituibilità automatica di tali farmaci che, essendo simili ma non identici, l’AIFA ha deciso di continuare a non includere nelle liste di trasparenza. Di conseguenza la scelta del trattamento con un farmaco biologico di riferimento o con un biosimilare è affidata al medico specialista nel rispetto dell’appropriatezza prescrittiva. AIFA con l’emanazione di questo documento conferma quindi la propria centralità come unico ente qualificato a esprimere valutazioni sull’equivalenza terapeutica tra i medicinali”. Lo afferma in una nota Eugenio Aringhieri, Presidente del Gruppo Biotecnologie di Farmindustria.

04/06/2013 – Categoria: Farmindustria – Da: [email protected] – 543 letture

loading

  Commenti

RITORNA ALLA PAGINA PRECEDENTE

Argomenti

2021 Powered By [email protected]@, Www.Informatori.Info